Organizzazione

Dicono di noi

 

2011

Leggi * Brussels International Map Collector Society * Presentazione dell'Associazione

Leggi * Caserta 24 ore * Casagiove: Prosegue la mostra cartografica "L'Italia prima dell'Italia"

Leggi * Comune di Baschi * "L'Italia prima dell'Italia" Mostra di Civitella al Lago

 

2014

 Leggi * Brussels International Map Collector Society * Recensioni di alcune pubblicazioni dell'Associazione

 Leggi Journal della IMCoS (Spring 2014, no. 136) * Bicentenario di Rizzi Zannoni e posa di una targa commemorativa

Partners

Numerose sono le sinergie sviluppate dall’Associazione con istituzioni, aziende ed enti pubblici e privati per la realizzazione di iniziative e per la definizione di progettazioni culturali integrate come percorso per migliorare la conoscenza del territorio e della sua storia.

Recentemente, il 4 maggio 2012, è stato ufficialmente siglato l'accordo di Gemellaggio tra il Centro Italiano per gli Studi Storico-Geografici e l'Associazione "Roberto Almagià" – Collezionisti Italiani di Cartografia Antica.

 

Nell'ambito dell'accordo è stata ribadita la volontà di permettere a chi volesse diventare socio di entrambe le Società di ottenere una agevolazione nell'iscrizione.

 

Il testo dell'accordo prevede tre punti principali:

 

a)    CONOSCENZA RECIPROCA

Il gemellaggio dovrebbe consentire una maggiore conoscenza reciproca, sia mediante lo scambio di informazioni sulle rispettive iniziative e pubblicazioni, sia mediante lo sviluppo di iniziative comuni che permettano alle due associazioni gemellate di perseguire i rispettivi fini statutari e di conoscere le aspirazioni e i problemi di ciascuna.

 

b)    SCAMBIO DI PRESENZE

Si intende favorire lo scambio di presenza di persone dell'una e dell'altra associazione, allo scopo di favorire maggiormente la conoscenza, l'aiuto e l'arricchimento culturale reciproci. I soci che si avvarranno della possibilità di iscrizione "gemellata" avranno identico status rispetto agli altri soci delle due associazioni.

 

c)    INIZIATIVE COMUNI

Le due associazioni gemellate potranno promuovere e realizzare programmi, progetti ed eventi in comune, nell'ambito della diffusione della cultura storico-geografica, che potranno esplicarsi, tra l'altro, attraverso:

  • attività di divulgazione della cultura della cartografia e delle stampe topografiche antiche;
  • coordinamento, sviluppo e monitoraggio delle iniziative comuni, quali la periodica organizzazione di eventi (mostre, convegni, seminari di studio che coinvolgano i maggiori studiosi della cultura storico-geografica in progetti di approfondimento);
  • attività di comunicazione e promozione delle iniziative del gemellaggio;
  • miglioramento delle sinergie;
  • realizzazione, implementazione ed organizzazione di un archivio, "memoria storica" delle attività, attuate, in itinere e di prossima realizzazione.

 

Le iniziative comuni si sommano a quelle che ogni singola associazione vorrà organizzare negli ambiti che riterrà opportuni. Gli organi esecutivi delle due associazioni, concordemente e mediante scambi di note, stabiliranno caso per caso i modi di attuazione delle iniziative da intraprendere in comune.

 

Le associazioni contraenti sono convinte che le opportunità derivanti dalla stipula di tale Protocollo di Gemellaggio costituiranno una occasione di crescita della collaborazione tra di esse e saranno per loro ed i loro soci occasione di arricchimento culturale per gli anni a venire.

Roberto Almagià, geografo e collezionista

Prof. Roberto Almagià [ Firenze 1884 - Roma 1962 ]

Roberto AlmagiàProfessore di geografia all'Università di Roma. Socio dell'Accademia dei Lincei. Insignito della medaglia d'oro della Società Geografica di Parigi e membro d'onore della Regia Società Geografica Italia, della Regia Società Geografica di Londra e di varie Società straniere per le sue benemerenze e le sue ricerche scientifiche. Membro del Comitato Nazionale Italiano per la Geografia. Membro del Comitato Internazionale per la Storia delle Scienze. Condirettore della "Rivista Geografica Italiana", Direttore della Sezione di Geografia della "Enciclopedia Italiana".

Geografo, storico della geografia e della cartografia, esploratore e naturalista.
Professore nelle università di Padova (1911-1914) e di Roma (1915-1959).
Socio dell'Accademia Nazionale dei Lincei (1932).
Direttore della sezione Geografia della Enciclopedia Italiana “Treccani” (1925-1937).
Nel 1938, essendo di origine ebraica, venne estromesso da ogni incarico e dall'insegnamento universitario dalle leggi razziali fasciste.
Socio della Società Geografica Italiana, di cui fu anche Presidente (1944-1945).
Ha coordinato il lavoro dei geografi italiani attraverso il Comitato per la Geografia del Consiglio Nazionale delle Ricerche.

Ha raccolto e curato la pubblicazione dei fondamentali Monumenta Italiae Cartographica (ed. Istituto Geografico Militare, Firenze 1929), in cui sono riprodotte le carte geografiche generali e regionali italiane dal XIV al XVII secolo.
Ha fondato e diretto la prestigiosa collana Le Regioni d'Italia della casa editrice Utet.
Ha collaborato assiduamente e con importanti contributi ai periodici L'Universo dell'Istituto Geografico Militare e a Le Vie d'Italia del Touring Club Italiano.
Ha pubblicato innumerevoli saggi su prestigiosi periodici a carattere nazionale ed internazionale, sui temi più disparati della geografia mondiale.

Alcuni manoscritti del Prof. Roberto Almagià sono depositati presso la Biblioteca del Dipartimento di “Geografia e Scienze Umane dell’Ambiente” (DIGSUA) dell’Università degli Studi di Milano. Inoltre, fa parte del patrimonio librario di tale Biblioteca anche il Fondo Almagià, formato dalla preziosa raccolta privata del Professore, testimonianza della sua attività scientifica.

Questo ingente fondo è formato da 1885 titoli, per un totale di circa 3100 volumi, e da circa 7000 titoli di miscellanea. Il fondo venne acquistato all’inizio degli anni Sessanta dall’Istituto di Geografia Umana, essendo direttore il prof. Lucio Gambi, ed è notevole per le sue dimensioni, per la specializzazione e il pregio dei testi che contiene. Di particolare rilievo i volumi relativi alla storia delle esplorazioni geografiche e della cartografia fra il XVI secolo e la prima metà del XIX, gli studi di geografia regionale dagli inizi del XVIII secolo agli anni Sessanta, quelli riguardanti le teorie e le metodologie geografiche. Il fondo fornisce inoltre informazioni ugualmente significative sulla formazione culturale e gli interessi dello studioso.

L’intero materiale del fondo è escluso dal prestito.

Gli scritti

Per la sua vastissima produzione a carattere geografico e cartografico, in cui spiccano censimenti e interpretazioni di "voci territoriali", biografie di naturalisti, cartografi ed esploratori, resoconti di viaggi, nonché relazioni, memorie e curatele di atti della Società Geografica Italiana, si veda il volume Scritti geografici (1905-1957), con elenco cronologico completo delle pubblicazioni, Edizioni Cremonese, Roma 1961.

Per una, sia pur una sommaria, indicazione della vasta produzione scientifica del Prof. Almagià, si richiamano, in ordine cronologico, le seguenti pubblicazioni:

  • La dottrina della marea nell'antichità classica e nel Medio Evo, in “Memorie della R. Accademia Nazionale dei Lincei. Classe di Scienze Morali, Storiche e Filologiche - serie V”, vol. V (1905), pp. 375-513;
  • Le frane e lo studio delle alterazioni superficiali della crosta terrestre, in “Atti del Congresso dei Naturalisti italiani, promosso dalla Società italiana di scienze naturali. Milano [ 15-19 settembre ] 1906”, Tip. degli Operai, Milano, 1907, pp. 278-292.
  • Studi storici di cartografia napoletana,in “Archivio storico per le Pro­vincie Napoletane”, vol. XXXVII (1912), pp. 564-592, e vol. XXXVIII (1914), pp. 3-35, 318-348, 409-440, 639-654.
  • Cristoforo Colombo,(Profili, n. 46), A.F. Formiggini, Roma, 1918, pp. 78 [2a edizione: 1927].
  • La Geografia (Guide, I.C.S., n. 1), Istituto per la propaganda della cultura italiana, Roma, 1919, viii-109 pp. [2a ed.: Fondazione Leonardo, Roma, 1922, 120 pp.].
  • La scoperta di un nuovo planisfero del cartografo olandese Hondt (1608), in “Rivista Geografica Italiana”, XXVI (1919), pp. 186-188.
  • L’«Italia» di Gian Antonio Magini e la cartografia dell'Italia nei secoli XVI e XVII, (Comitato Geografico Nazionale Ita­liano. Pubbl. n. 1), Società Editoriale F. Perrella, Napoli - Città di Castello - Firenze, 1922, 183 pp., 9 carte.
  • «Monumenta Italiae Cartographica». Riproduzione di carte generali e regionali d'Italia dal secolo XIV al XVII, I.G.M, Firenze, 1929, pp. 88, 86 tavv.
  • L'Albania, Roma, Cremonese (Collezione Omnia, 22-23), 1930, 296 pp. con 12 tavv. fotografiche e 1 carta geografica ripiegata.
  • Palestina, Roma, L. Morpurgo, 1930, 140 pp., ill. (traduzione inglese di R.R. Jordan, Roma, 1932,  173 pp.).
  • Elementi di Geografia economica e politica generale, Giuffrè, Milano, 1936, pp. VII - 226.
  • Le origini della cartografia moderna: I. Introduzione. - II. Le carte nautiche. - III. I planisferi e le carte corografiche dei secoli XIV e XV [con lo pseud. B. Varenio],  in “Popoli”, (1 luglio 1941), pp. 215-217, (15 luglio 1941), pp. 246-250, (1 dicembre 1941), pp. 525-527.
  • L'opera geografica di Luca Holstenio, Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana (Studi e testi n. 102), 1942, pp. 172, 6 tavv.
  • Osservazioni sull'opera geografica di Francesco Berlinghieri, in  “Archivio della R. De­putazione Romana di Storia Patria”, Roma, LXVIII (1945), Nuova serie, vol. II, pp. 211-255, 2 fig.
  • «Monumenta Cartographica Va­ticana»:
  • vol. I -Planisferi, Carte nautiche e affini dal secolo XIV al XVII esistenti nella Biblioteca Apostolica Vaticana, Biblioteca Apostolica Vaticana, Città del Vaticano, 1944, pp. XI-156, fig., 72 tavv.
  • vol. II -Carte geografiche a stampa di particolare pregio o rarità dei secoli XVI e XVII esistenti nella Biblioteca Apostolica Vaticana, Biblioteca Apostolica Vaticana, Città del Vaticano, 1948, pp. VII-130, fig., 62 tavv.
  • vol. III -Le pitture murali della Galleria delle carte geografiche, Biblioteca Apostolica Vaticana, Città del Vaticano, 1952, pp. VIII-91, fig., 52 tavv. in b/n, 1 col.
  • vol. IV -Le pitture geografiche della Terza Loggia e di altre Sale Vaticane, Biblioteca Apostolica Vaticana, Città del Vaticano, 1955, pp. VIII, 48 pp., 28 c. di tavv.
  • Per un nuovo repertorio di carte nautiche italiane conservate in Italia (secoli XIII-XVII), in “Atti del XVII Congresso Geografico Italiano (Bari, [ 23-29 aprile ] 1957)”, vol. II, Cressati, Bari, 1957, pp. 427-431.
  • Documenti cartografici dello Stato Pontificio, Biblioteca Apostolica Vaticana, Città del Vaticano, 1960, 64 pp. e 80 tavole.
  • Alcune preziose carte geografiche di recente acquisite alle Collezioni Vaticane, in“Collectanea Vaticana in honorem Anselmi M. Card. Albareda a Bibliotheca Apostolica edita”, vol. I, (Studi e Testi, 219), Biblioteca Apostolica Vaticana, Città del Vaticano, 1962, pp. 22 ss.

 

Biografia

Manca ancora una biografia del Prof. Almagià.

Oltre alla voce presente nel Dizionario Biografico degli Italiani, d’interesse risultano i seguenti contributi:

  • Università di Milano - Istituto di Geografia Umana, Il Fondo librario Almagià presso l'Istituto di geografia umana dell'Università degli studi di Milano: catalogo alfabetico per autore, Vol. I: Libri (1981, 221 pp.); vol. II: Miscellanea (1982, 349 pp.), Unicopli, Milano, 1981-1982.
  • Sestini Aldo, Roberto Almagià stimolatore ed organizzatore di studi geografici, in “Rivista Geografica Italiana”, XCII (1985), n. 12, pp. 3-10.
  • Migliorini Elio, Roberto Almagià e la letteratura geografica del suo tempo, in “Rivista Geografica Italiana”, XCII (1985), n. 12, pp. 53-73.
  • Baldacci Osvaldo, La storia della cartografia in Italia dopo Roberto Almagià, in “Rivista Geografica Italiana”, XCII (1985), n. 12, pp. 11-37.
  • Corna-Pellegrini Giacomo (a cura di), Roberto Almagià e la geografia italiana nella prima metà del secolo: una rassegna scientifica e una antologia degli scritti, in “Atti del Convegno di Studi promosso dall'Istituto di geografia umana dell'Università degli studi di Milano l'11-12 dicembre 1986”, Unicopli, Milano, 1988.

  

Per l'elenco delle pubblicazioni del Prof. Almagià, è d'obbligo citare la pubblicazione R. Almagià, Scritti geografici (1905-1957), con elenco cronologico completo delle pubblicazioni, Edizioni Cremonese, Roma 1961.

In occasione delle celebrazioni per il cinquantesimo anniversario dalla morte del prof. Roberto Almagià, svolte presso la Società Geografica Italiana, a Roma, il 21 giugno 2012, in collaborazione con la Società Geografica Italiana e con il Centro Italiano per gli Studi Storico-Geografici, è stata realizzata dalla nostra Associazione la pubblicazione Roberto  Almagià – Studi Storici e Geografici (1902-1962), recante l’intera bibliografia dell’Autore; appendice: “Alcune opere su Roberto Almagià e sulla sua attività scientifica”, Edizioni Associazione Almagià, Roma, 2012 [vedi i Cataloghi dell’Associazione]

Sede e Segreteria: contatti

 

 

La nostra Associazione ha sede in Roma

Roberto Almagià
Associazione Italiana  Collezionisti di Cartografia Antica
Viale Regina Margherita, 262 - 00198  Roma

tel. (+39) 06 4425901
fax (+39) 06 442590254

                            Sede Associazione Almagià
   

 

Per  informazioni:

SEGRETERIA SOCI

Maria Maddalena Silvi (tel. 06 58200428 – fax 06 58231401 dal lunedì al venerdì 9.00-13.00/16.00-19,30)

e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 

 

Chi siamo

 

L'associazione ha lo scopo di promuovere la divulgazione e la conoscenza della cartografia storica e delle stampe antiche

Ha scopi culturali e non ha fini di lucro.

Nasce nel febbraio del 2006, dall'idea di alcuni collezionisti desiderosi di creare un centro di riferimento per gli appassionati di cartografia e di stampe antiche in genere, e creare occasioni di per lo scambio e lo sviluppo di esperienze, idee, informazioni bio-bibliografiche e materiale scientifico.

 Obiettivo principale dell’Associazione è favorire la condivisione del grande patrimonio di conoscenze, studi e materiale al momento disperso tra collezionisti ed enti pubblici e privati su tutto il territorio nazionale, e favorire la crescita e la diffusione di una cultura della cartografia storica e della stampa antica, nonché del rispetto e della tutela di tale ingente patrimonio culturale. Pertanto è aperta a collezionisti, studiosi e cultori della materia, antiquari, semplici appassionati della cartografia storica e della stampa antica, istituzioni ed enti culturali. 

E’ intitolata a Roberto Almagià (Firenze 1884 – Roma 1962), uno dei più grandi studiosi del  XX secolo di cartografia antica, nonché appassionato e famoso collezionista, a rappresentare idealmente le proprie finalità.

 

GLI OBIETTIVI 

dallo Statuto dell’Associazione “Roberto Almagià”: 

Art. 2 :    Natura - Carattere - Scopi

L'Associazione Roberto Almagià è nata per promuovere la cultura della cartografia storica.
L’Associazione ha carattere di assoluta indipendenza da Partiti Politici, dalla Pubblica Amministrazione, da sette Filosofiche e Confessioni Religiose, è senza fini sindacali e di lucro e si amministra e determina i suoi programmi ed iniziative in completa autonomia.
L'Associazione ha quale scopo (fermo restando il divieto dell'Associazione di svolgere attività in settori diversi dai previsti, salvo quelle direttamente connesse):
studiare, valorizzare e diffondere la cartografia e la stampa antica, per favorire:
-   lo sviluppo della conoscenza e della cultura tra gli associati;
-   lo scambio delle reciproche esperienze e idee attraverso lo svolgimento di attività culturali in Italia e all'estero;
-   la promozione di iniziative destinate all'approfondimento della conoscenza cartografica storica e della stampa antica;
-   la divulgazione e lo scambio del materiale tra gli associati utilizzando strumenti telematici e digitali sul modello della rete Internet. 

L'Associazione ha per oggetto le seguenti attività:

-   promuovere autonomamente (anche in collaborazione con privati cittadini, gruppi, enti e organizzazioni pubbliche) iniziative di studio sulla cartografia storica e la stampa antica;
-   svolgere manifestazioni, convegni, dibattiti, mostre, seminari e ricerche di ogni tipo, per il raggiungimento e la diffusione dei propri scopi;
-   stipulare convenzioni con Enti pubblici e privati, per la gestione di corsi e seminari e/o per la fornitura di servizi, nell'ambito dei propri scopi;
-   favorire la nascita di enti o gruppi che, anche per i singoli settori, si propongono scopi analoghi al proprio favorendo la loro attività, collaborando con essi tramite gli opportuni;
- ideare, realizzare ed editare pubblicazioni e simili; audiovisivi e simili; prodotti televisivi e cinematografici; CD audio e CD Rom.
Inoltre l'Associazione potrà svolgere qualunque altro tipo di attività purché volta al conseguimento delle finalità sociali; mettere a disposizione di tutti coloro che vorranno partecipare alle attività dell'Associazione i prodotti culturali e didattici frutto dell'attività stessa.
L'Associazione ricercherà, per il conseguimento delle finalità sociali, contatti e collegamenti con pubbliche amministrazioni, altri enti pubblici e privati cittadini di ogni parte del mondo.

GLI  ORGANI 

ASSEMBLEA DEI SOCI : L’Assemblea dei soci, che riunisce tutti i soci e tutte le funzioni direttive, è l’organo deliberativo dell’Associazione. L’Assemblea dei soci è sovrana. Viene convocata obbligatoriamente dal Presidente almeno una volta nell'anno solare. Ogni socio ha diritto di partecipare effettivamente alla vita sociale.

CONSIGLIO 2016-2019: Emilio Moreschi (Presidente) - Maria Gabriella Cocco (Segretario) - Stefano Bifolco - Maurizio Oliva - Maria Maddalena Silvi - Sergio Trippini - Roberto Borri (Consiglieri).

 

LE  ATTIVITA’

 

 

Sin dalla sua Costituzione, l’Associazione ha cercato di svolgere una intensa attività di divulgazione e di collegamento tra collezionismo, ambiente accademico, istituzioni locali ed enti culturali.

Questa attività ha già contribuito all’organizzazione di occasioni di incontro e di studio a cadenza almeno annuale, nonché all’allestimento di mostre e dei relativi cataloghi, in collaborazione con altri enti ed istituzioni cartografiche, nonché enti locali.

In  particolare, ha  contribuito  fattivamente   all’organizzazione

dei Seminari di Studi Cartografia Storica e Collezionismo in Italia, ospitatoannualmente dal 2005 al 2010 aSant’Anatolia di Narco (PG), in Valnerina e, da ultimo, si è fatta promotrice dell’Incontro Annuale dell’Associazione “Roberto Almagià”, che dal 2011 è stato tenuto a Civitella del Lago (TR).

 

Nell’ambito di tali eventi, a cui hanno partecipato esponenti universitari e di istituzioni cartografiche italiane ed estere, i soci dell’Associazione hanno curato anche l’allestimento di alcune mostre, mettendo a disposizione raro materiale tratto dalle proprie collezioni, per la maggior parte inedito. Le iniziative dell’Associazione hanno ottenuto il patrocinio da parte della Società Geografica Italiana, del CISGE – Centro Italiano Per Gli Studi Storico-Geografici, dell’Università IUAV di Venezia, della Seconda Università di Napoli e dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.

 

 

LE PUBBLICAZIONI 

 

 

 

L’Italia e le sue regioni nella bottega dell’incisore - Venezia e Roma nel ’500, a cura di Vladimiro Valerio, con i contributi di Roberto Borri, Maria Gabriella Cocco, Emilio Moreschi, Fabrizio Ronca, Francesco Trippini, Sergio Trippini, pubblicato a cura del Comune di Sant’Anatolia di Narco (PG) e della Provincia di Perugia - Assessorato all’Ambiente, Perugia, 2008

catalogo ragionato delle tavole cartografiche e note biografiche, bibliografia, n. 44 schede cartografiche e n. 16 schede storico-artistiche degli autori  

[illustrato, in b/n, 140 pp., brossura, f.to 21x24 cm.]

Catalogo della omonima mostra allestita a Sant’Anatolia di Narco (PG), 30 maggio-1 giugno 2008, in occasione del 3° Seminario di Studi“Cartografia Storica e Collezionismo in Italia”.

 

Benedetto Marzolla. Brindisino, Geografo e Cartografo dell’800 Europeo, a cura di Vladimiro Valerio, appendice documentaria a cura di Paola Valenti, pubblicato da Barbieri Selvaggi Editori, Manduria (TA), 2008

catalogo dell’intera opera del Marzolla (Brindisi, 14/3/1801 - Napoli, 10/5/1858), uno dei più illustri geografi e cartografi italiani del XIX secolo, noto per le sue attività topografiche e statistiche. Il volume raccoglie oltre 170 carte, con un preciso lavoro di censimento, attraverso un'appendice documentaria che ne cataloga tutta la produzione fino al 1858 ed oltre.

[illustrato, in b/n e a colori, 240 pp., rilegato, f.to 24x28 cm., ISBN 978-88-618706-4-2]

Catalogo della omonima mostra allestita a Brindisi (Palazzo Granafei-Nervegna, 12 dicembre 2008-28 febbraio 2009, prorogata al 31 marzo 2009), in occasione del 150° anniversario della morte del Marzolla.

 

 

 

Strade, Canali, Confini, Rotte. I simboli lineari nella cartografia antica, con i contributi di Laura e Giorgio Aliprandi, Stefano Bifolco, Roberto Borri, Maria Gabriella Cocco, Emilio Moreschi, Marco Perini, Fabrizio Ronca, Sergio Trippini, Paola Valenti, Vladimiro Valerio, Antonio Volpini, pubblicato a cura del Comune di Sant’Anatolia di Narco (PG), Terni, 2009

catalogo ragionato delle tavole cartografiche, articolato tra: «Strade e Comunicazioni», «Fiumi e Canali»,  «Confini e Guerre», «Rotte e Venti»; bibliografia, n. 27 tavole cartografiche e n. 4 schede introduttive delle varie sezioni.

[illustrato, in b/n con copertina a colori, 80 pp., brossura, f.to 23 x 24 cm.]

Catalogo della omonima mostra allestita a Sant’Anatolia di Narco (PG), 29 maggio-2 giugno 2009, in occasione del 4° Seminario di Studi“Cartografia Storica e Collezionismo in Italia”.

 

Apparati Decorativi. Figurazioni e decorazioni nella cartografia italiana dal ‘400 all’‘800, a cura di Paola Valenti e Vladimiro Valerio, con i contributi di Stefano Bifolco, Roberto Borri, Ruggiero Fontanella, Emilio Moreschi, Maurizio Oliva, Marcus Perini, Paolo Renzi, Fabrizio Ronca, Francesco Trippini, Sergio Trippini, Antonio Volpini, pubblicato a cura del Comune di Sant’Anatolia di Narco (PG), Terni, 2010.

catalogo ragionato delle tavole cartografiche, bibliografia, n. 47 tavole cartografiche e n. 3 contributi introduttivi

[illustrato, in b/n con copertina a colori, 142 pp., brossura, f.to 23x24 cm.]

Catalogo della omonima mostra allestita a Sant’Anatolia di Narco (PG), 25-27 giugno 2010, in occasione del 5° Seminario di Studi “Cartografia Storica e Collezionismo in Italia”.

 

 

 

 

 

L’Italia prima dell’Italia. Carte geografiche e topografiche dell’Italia dal 1478 al 1861,a cura dei soci dell’Associazionedi collezionisti di cartografia antica "Roberto Almagià", pubblicato da Alessandro Dominioni Editore, Como, 2011.

catalogo di n. 59 schede di carte geografiche dell'Italia da Niccolò Germanico (Roma 1478), fino al Panorama Italiano (Milano 1861)

[illustrato, a colori,  159 pp., brossura, f.to 23 x 24 cm.], ISBN 978-88-87867-35-0

Catalogo della omonima mostra allestita a Milano nell’aprile-maggio 2011 presso il Centro Nazionale Studi Manzoniani-Casa del Manzoni, ed a settembre 2011 presso l’Ospedale Militare di Caserta “Med. D’oro Ten. G. Tescione” in occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia. Nel giugno 2011, una sintesi di questa mostra è stata esposta a Civitella del Lago - fraz. di Baschi (TR), nel corso dell’annuale incontro dell’Associazione.

 

La Terra di Lavoro nella Storia. Dalla Cartografia al Vedutismo, a cura di Simonetta Conti e Aldo Di Biasio, pubblicato dall’Associazione “Roberto Almagià” Editore, Caserta, 2012.

catalogo conoltre 150 immagini relative a piante e vedute (25 carte geografiche e 136 vedute, in larga parte inedite); saggi introduttivi del Prof. Aldo Di Biasio, della Prof.ssa Simonetta Conti e della Prof.ssa Giosi Amirante.

[illustrato, a colori, brossura, 160 pp., f.to 23 x 24 cm.], ISBN 978-88-907457-0-6.

Catalogo della omonima mostra allestita a Caserta, Emiciclo Ellittico del Palazzo Reale, presso il Centro Residenziale e Studi della Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione (Presidenza del Consiglio dei Ministri), 15-26 giugno 2012.

 

 

 

 

 

Studi Storici e Geografici (1902-1962). Elenco cronologico delle pubblicazioni di Roberto Almagià (Firenze 1884 – Roma 1962),a cura dell’Associazione"Roberto Almagià" - Associazione Italiana Collezionisti di Cartografia Antica, pubblicato dall’Associazione “Roberto Almagià” Editore, Roma, 2012.

bibliografia delle opere del Prof. Roberto Almagià, con n. 17 tavole di carte geografiche accompagnate da brevi commenti e n. 6 foto di opere del Prof. Almagià; appendice “Alcune opere su Roberto Almagià e sulla sua attività scientifica”.

[illustrato, in b/n con copertina a colori, 64 pp., brossura, f.to 21x25 cm.] ISBN 978-88907457-1-3

Pubblicazione realizzata in collaborazione con la Società Geografica Italiana e con il Centro Italiano per gli Studi Storico-Geografici, in occasione delle celebrazioni per il cinquantesimo anniversario dalla morte del prof. Roberto Almagià, svolte presso la Società Geografica Italiana - Palazzetto Mattei in Villa Celimontana, a Roma, il 21 giugno 2012

 

L’America vista dall’Italia. Carte e atlanti dal XVI al XIX secolo, a cura di Sergio Trippini e Vladimiro Valerio, con i contributi di Stefano Bifolco, Roberto Borri, Maria Gabriella Cocco, Simonetta Conti, Emilio Moreschi, Maurizio Oliva, Marco Perini, Claudio Ruberto, Francesco Trippini, Sergio Trippini, Vladimiro Valerio, pubblicato dall’Associazione “Roberto Almagià”, Roma, 2013.

catalogo di n. 19 schede di carte geografiche e atlanti di autori italiani, dal 1511 al 1859, con circa 75 illustrazioni.   

[illustrato a colori, con copertina a colori, brossura, 80 pp., f.to 21,5x24 cm.]

ISBN 978-8893661-4-1

Catalogo della omonima mostra allestita, in collaborazione con l’Associazione Culturale CivitellArte, a Civitella del Lago - fraz. di Baschi (TR), il 6-8 settembre 2013, nel corso dell’Incontro Annuale dell’Associazione “Roberto Almagià”, dedicata all’Anno della Cultura Italiana negli Stati Uniti, iniziativa del Ministero degli Affari Esteri sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica.

 

 

 

  

 

 

 

L’Italia del Cavaliere Rizzi Zannoni. Carte a stampa dei territori italiani, a cura dell’Associazione “Roberto Almagià”, con i contributi di Stefano Bifolco, Roberto Borri, Maria Gabriella Cocco, Simonetta Conti, Antonio Coppola, Pasquale Marrone, Ernesto Mazzetti, Emilio Moreschi, Maurizio Oliva, Marcus Perini, Claudio Ruberto, Francesco Trippini, Sergio Trippini, Vladimiro Valerio, pubblicato dall’Associazione “Roberto Almagià”, Roma, 2014.

Catalogo della mostra relativa all’intera produzione cartografica dei territori italiani realizzata da Giovanni Antonio Rizzi Zannoni (1736 - 1814), con n. 22 schede tecniche e descrittive, e circa 80 immagini.

[illustrato a colori, con copertina a colori, brossura, 118 pp., f.to 24x23 cm.]

ISBN 978-88-89366-20-2

Catalogo della omonima mostra allestita, in collaborazione con l’Associazione Culturale CivitellArte, a Civitella del Lago - fraz. di Baschi (TR),  19-21 settembre 2014, in occasione del Bicentenario della morte di Giovanni Rizzi Zannoni, con il Patrocinio del MIBACT, nel corso dell’Incontro Annuale dell’Associazione “Roberto Almagià”. 

  

CONTATTI

 

Associazione Culturale “Roberto Almagià” 
Associazione Italiana Collezionisti di Cartografia Antica

Sede legale e Segreteria:  

Viale Regina Margherita, 262  -  00198  Roma
tel. (+39) 06 4425901 – fax (+39) 06 442590254

Emilio Moreschi (Presidente) 

Maria Gabriella Cocco (Segretario)

Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Web:www.associazionealmagia.it

Per maggiori informazioni, La preghiamo di contattare il Segretario dell’Associazione Maria Gabriella Cocco (tel. 06 4425901 – fax 06 442590254 dal lunedì al venerdì, ore 9.00-20.00, e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) oppure il consigliere delegato alla Segreteria Soci Maria Maddalena Silvi (tel. 06 58200428 – fax 06 58231401 dal lunedì al venerdì 9.00-13.00/16.00-19,30, e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.).   

 Scarica la scheda di presentazione 

 

 

Altri articoli...

  1. Organigramma